Cosa sono le prostatiti?

Lunedì 02 Aprile 2018   Autore: Prof. A. Natali

Sono malattie infiammatorie della prostata

La prostata per l'uomo è una ghiandola molto importante, situata nel perineo maschile in un punto strategico, al di sotto della vescica e al davanti del retto. E’ attraversata da una parte di quel canale (l’uretra) che permette alle urine ed allo sperma di fuoriuscire all’esterno. Noi urologi nel descriverla usiamo spesso un termine orto-frutticolo paragonandola ad una castagna, perché questa normalmente è la sua forma e dimensione. Al suo interno inoltre sboccano anche due strutture(le vescichette seminali), che producono, insieme alla prostata stessa, almeno l’80% del liquido che fuoriesce al momento dell’eiaculazione. Questa sua particolare posizione anatomica, a contatto con l’esterno tramite l’uretra, e con il retto, da cui la separa un sottile strato di mucosa, fa si che questa ghiandola possa andare incontro a processi infettivi ad opera di germi che possono provenire dall’ esterno attraverso l’uretra o dall’interno attraverso i vasi linfatici che drenano oltre la prostata anche il sigma ed il retto,  e a processi infiammatori a seguito di fattori comportamentali scorretti legati allo stile di vita a cui la prostata, come altri organi quali lo stomaco e l’intestino, è molto sensibile.
Infatti ansia, stress, fumo, alcool, uso di sostanze stupefacenti, attività sessuale sregolata soprattutto se episodica, vita sedentaria, stare alla guida di veicoli in maniera continuativa per molte ore, alimentazione scorretta priva di fibre, intestino irregolare, sono tutti elementi che mixati insieme contribuiscono in maniera determinante ad infiammare questa ghiandola e a dare  anche in assenza di un agente infettante ben preciso, tutto un corteo sintomatologico molto variegato che può influire anche sulla vita sociale dell’individuo affetto da prostatite, con disturbi non solo di carattere urinario, ma anche di tipo sessuale.  La reale incidenza delle prostatiti è difficilmente stimabile, si ritiene che almeno un terzo della popolazione maschile ne soffra ogni anno, ma si tratta di percentuali sicuramente sottostimate. Anche perché, per la molteplicità dei fattori in gioco, teoricamente parlando, un uomo può andare incontro a questa patologia a qualsiasi età, anche se il picco di incidenza si ha tra i 20 ed i 50 anni. Una recente  ricerca  americana, ha sottolineato come la prostatite rappresenti il primo motivo al mondo per cui viene richiesta una visita urologica. Dal punto di vista clinico si distinguono prostatiti acute, subacute e croniche. Queste ultime per la tendenza a recidivare spesso e volentieri, rappresentano la quota parte maggiore. Mentre da un punto di vista etiologico ( i fattori che le possono determinare), distinguiamo le prostatiti batteriche dalle abatteriche a seconda che nei liquidi biologici che andiamo ad esaminare, essenzialmente sperma ed urine, siano o meno presenti batteri.

MEDIA:

preview

Prostatite


Contatta il Prof. Natali

Se desideri approfondire questo argomento direttamente col Prof. Alessandro Natali, utilizza il seguente Form specificando i tui dati per poter essere ricontattato

(*) Campi obbligatori

Clicca qui maggiori informazioni