Ho sentito parlare di impianti protesici penieni nel pene: di che cosa si tratta?

Lunedì 22 Gennaio 2018   Autore: Prof. A. Natali

Rappresenta la soluzione chirurgica del problema Disfunzione Erettiva

Quando con l'ausilio di terapie mediche o fisiche (vacuum devices), la disfunzione erettiva, non trova una soluzione, essa può essere definitivamente risolta con l'impianto di protesi peniene

Quindi questo tipo di risoluzione è da applicare quando le altre terapie in qualche modo non hanno dato dei risultati soddisfacenti.

Le Linee Guida internazionali sull’argomento prevedono infatti l’ impianto di una protesi peniena come terza linea terapeutica nel caso che la terapia orale (prima linea terapeutica) e quella intracavernosa (seconda linea terapeutica), non diano dei risultati soddisfacenti.  

Si tratta di un intervento chirurgico con il quale attraverso un piccolo taglio praticato all’angolo peno-scrotale o a livello sovrapubico, si inseriscono degli elastomeri in silicone all’interno dei corpi cavernosi.

In passato esistevano protesi rigide che erano difficilmente dissimulabili in quanto il pene si manteneva in un costante stato di erezione.

Oggi esistono protesi semirigide ma soprattutto idrauliche (bi- o tri- componenti), corredate di una pompetta da inserire a livello scrotale ed eventualmente di un piccolo serbatoio addominale, che possono essere completamente dissimulate a pene flaccido, e che, attivate con semplicissimi meccanismi manuali, procurano un'erezione sovrapponibile a quella naturale con soddisfazione completa di entrambi i partners; permettendo quindi al maschio di raggiungere l’orgasmo e l’eiaculazione come se vi fosse un’erezione naturale.

L'impianto di queste protesi può avvenire con una ospedalizzazione minima (3-4 giorni); l’unico segno visibile dell’impianto protesico penieno è una piccola cicatrice (3-4 cm), in corrispondenza dell'angolo peno-scrotale o a livello sovrapubico, di cui con il passare del tempo non rimane alcuna traccia.

MEDIA:

preview

Schema di impianto di una protesi peniena idraulica tricomponente

preview

Protesi peniena idraulica tricomponente


Contatta il Prof. Natali

Se desideri approfondire questo argomento direttamente col Prof. Alessandro Natali, utilizza il seguente Form specificando i tui dati per poter essere ricontattato

(*) Campi obbligatori

Clicca qui maggiori informazioni